La Stazione Spaziale Internazionale, ISS: cosa’è e come osservarla

Home / Blog / La Stazione Spaziale Internazionale, ISS: cosa’è e come osservarla

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS) è un laboratorio scientifico orbitante intorno alla Terra ad una distanza di circa 400Km dalla superficie terrestre. Vediamo insieme qualche dato e quando poterla osservare

La ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, da quasi 25 anni ci fa “compagnia” sopra ai nostri cieli. Noi possiamo osservarla in molte serate dell’anno, apparendo alla vista come un enorme punto luminoso che scivola via da un lato all’altro del cielo, “a occhio” molto simile alla luminosità/magnitudine di Giove, con la piccola differenza che quello è un pianeta.

L’ assemblaggio della ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, in orbita è iniziato nel lontano 20 novembre 1998 con il modulo Zarja, ed è momentaneamente terminato nel 2021 con il Multipurpose Laboratory Module, momentaneamente perché quasi ogni anno vengono aggiunti dei pezzi, dei moduli, dei laboratori e degli strumenti, interni o esterni, alla ISS. L’assemblaggio è stato possibile grazie all’utilizzo di bracci robotici che hanno lentamente assemblato, nel corso del tempo, le oltre 100 parti che compongono la Stazione Spaziale Internazionale, con l’ausilio di tecnici astronauti che hanno eseguito oltre 160 passeggiate spaziali in ambiente esterno a gravità zero (solo a pensarci ci vengono i brividi, ma al tempo stesso è uno dei lavori che si sognano da bambino). A tal proposito, vogliamo sottolineare come fare gli astronauti, o anche “semplicemente” gli astronomi, non sia sempre un lavoro romanzato come si legge nei libri o si vede nei film, ma spesso sia un lavoro estremamente pericoloso (basti pensare al rischio di essere inseriti all’interno di un razzo che ha non trascurabili possibilità di esplodere) o al tempo stesso non proprio divertente, come il passare ore e ore davanti a numerosi schermi a prendere dati e rilevazioni.

Allo stato attuale la ISS ha un peso di circa 450 tonnellate, con un diametro di 100 metri per 80, quasi le dimensioni di un campo da calcio, ma sviluppato sia in orizzontale che verticale, con ben 7 laboratori pressurizzati, 9 piattaforme esterne e diverse sale adibite (il tutto senza gravità) a ogni esperimento possibile su campi fisici, chimici, biologici e ovviamente astronomici. La permanenza media degli astronauti è di 5-6 mesi, mediamente sono 6 le persone a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, e orbita attorno alla nostra Terra ad un’altezza di 380/400 km ad una velocità di 28.000 km/h, facendo circa 15-16 orbite attorno al Pianeta Terra.

Ovviamente la Stazione Spaziale Internazionale dovrà mantenere una velocità costante in funzione della distanza dalla Terra, in quanto se la velocità è troppo ridotta, tenendo in considerazione la rotazione terrestre, c’è il rischio che la ISS esca dalla sua orbita ed entri in traiettoria con la Terra, mentre se la velocità è troppo elevata, potrebbe uscire dalla sua traiettoria e finire nello spazio aperto, il tutto tenendo in considerazione la forza di attrazione gravitazionale terrestre su di essa (ci deve essere un equilibrio tra la forza di attrazione e la velocità, altrimenti anche in questo caso o è attratta dalla Terra, o la Terra non riesce a trattenerla con se, facendola schizzare verso l’esterno.

Come osservare la ISS

Ovviamente la ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, è visibile dalla Terra, come gran parte dei satelliti artificiali, la Luna e tutti gli astri facilmente riconoscibili. Come per i satelliti artificiali e gli starlinks, la Stazione Spaziale Internazionale sarà nettamente più veloce rispetto allo spostamento, dal nostro punto di vista, di Giove o Saturno (bisognerà aspettare ore per vederli transitare da un lato all’altro dell’orizzonte, proprio perché la nostra Terra sta ruotando). La ISS, quando è visibile, appare come un grande punto luminoso che si muove nel cielo, ma raramente segue le stesse orbite e pertanto, a distanza di giorni, potremmo vederla sorgere da posizioni leggermente diverse, con luminosità (magnitudini) diverse.

E’ possibile vedere in tempo reale la posizione della Stazione Spaziale Internazionale in questo articolo, oltre che la live webcam, inoltre puoi consultare questo articolo per scaricare alcune applicazioni interessanti per monitorare in pochi clik la ISS, la sua magnitudine, l’orario in cui sorge e in cui tramonta e i prossimi passaggi, nonché capire quali astri sono visibili e altre curiosità astronomiche.

Related Posts
Translate »