Cielo gennaio 2024: guida a tutti i fenomeni astronomici del mese

Home / Blog / News / Cielo gennaio 2024: guida a tutti i fenomeni astronomici del mese

L’anno nuovo è da poco iniziato e, insieme ai festeggiamenti sfavillanti di Capodanno, anche il cielo di Gennaio 2024 ha deciso di concederci subito degli spettacoli astronomici

Dalla notte del 1 Gennaio 2024, infatti, possiamo ammirare la volta celeste come non mai e vivere un’esperienza del tutto unica e affascinante. Molti pensano che le stelle più luminose si possano osservare solo nel periodo estivo, ma non è affatto così! Il cielo di Gennaio ci può, al contrario, regalare delle immagini spettacolari.

Osservare le Quadrantidi a Gennaio 2024 - Stellarium

Osservare le Quadrantidi a Gennaio 2024 – Stellarium

LA CINTURA DI ORIONE

È una fascia ben visibile in questo periodo, poiché è composta da 3 stelle messe in fila tra loro, presente all’interno della famosa costellazione di Orione:

  • RIGEL
  • BETELGEUSE
  • BELLATRIX

Un’antica leggenda narra che, nella notte del 25 Dicembre, le 3 stelle della cintura si allinearono misteriosamente verso Est per indicare, a 3 sconosciuti e ricchi signori una retta via. Erano i RE MAGI che, grazie alla stella cometa e alla visione della cintura di Orione, raggiunsero il Messia per portare i santi doni e per augurare cieli sereni e buona Epifania.

COSTELLAZIONE DI ORIONE

La possiamo facilmente individuare nel cielo perché appare con una forma a “clessidra”. È formata da 21 stelle: 7 sono le più luminose e plasmano il corpo del cacciatore e la sua cintura; mentre le rimanenti 14 creano l’arco e la freccia. Al di sotto della cintura di Orione, inoltre, si può delineare “la spada”, in cui è presente la famosa nebulosa M42.

Ma chi è Orione?

Gli antichi greci hanno sempre immaginato, osservando la costellazione di Orione, di vedere la figura di un uomo e si raccontava la sua storia. Molto tempo fa viveva un cacciatore: ORIONE.

Amava uscire di notte con arco e frecce insieme al suo cane SIRIO.

La caccia notturna di Orione iniziò ad attrarre, ben presto, l’attenzione di una giovane fanciulla, dea della Luna e della caccia.

Il suo nome era “ARTEMIDE”.

Ammaliata da Orione decise di scendere sulla Terra e di presentarsi a lui e subito nacque una grande amicizia. Alla luce del giorno, però, il dio del sole nonché fratello di Artemide, APOLLO, era geloso della sorella e così decise di fare uno scherzo molto crudele ad Orione. Orione, proprio in quel giorno, stava nuotando nelle acque del mare.

Apollo preso un suo potente raggio di luce e lo scagliò addosso ad Orione, abbagliandolo. Poi chiamò la sorella Artemide e le lanciò una sfida. “Scommetto che non riuscirai mai a colpire quel bersaglio luminoso, laggiù” le disse Apollo. Artemide, presa dalla foga, accettò senza esitare un attimo la sfida del fratello: prese il suo arco e freccia e la puntò verso quel punto luccicante lontano.

Il bersaglio fu preso in pieno e Orione morì. Artemide, ignara di tutto, era felice di aver vinto la sfida e non vedeva l’ora di raccontare l’accaduto al suo amato Orione. Lo cercò in lungo e in largo senza mai trovarlo e fu così che iniziò a capire lo spietato gioco del fratello. Presa dalla disperazione chiese a Zeus, padre degli Dei, di mettere Orione in cielo, tra le stelle, in modo che tutti gli uomini potessero ammirarlo e ricordarlo.

E così fu!

La morte di Orione lasciò solo e disperato anche il suo fedele cane SIRIO che ululò per tre giorni di fila fino a che Zeus, scocciato dalle sue urla strazianti, scelse di mandarlo in cielo vicino al suo padrone. Nacquero così la costellazione di Orione e del Cane Maggiore.

SIRIO

La stella più luminosa del cielo di Gennaio (e di tutta la volta celeste), distante appena 8,6 anni luce da noi. Il nome deriva dal greco e significa “bruciare”. Per riconoscerla, basta individuare la cintura di Orione e guardare verso il basso, tracciando idealmente una retta. Inoltre Sirio con Betelgeuse e Procione forma il famoso asterismo chiamato triangolo invernale. Sirio ha una massa e un raggio circa due volte più grandi di quello del Sole e una luminosità 22 volte superiore a quella della nostra stella!

COSTELLAZIONE DEL CANE MINORE

È un’altra protagonista indiscussa del cielo di Gennaio. Secondo la leggenda, rappresenta uno dei cani da caccia di Orione ed è visibile verso l’emisfero nord-sud. La sua stella più luminosa (con una magnitudine di 0,4) è “Procione”, termine che deriva dal greco e significa “colui che precede il cane”: infatti questa stella e costellazione, in generale, sorgono prima del vicino “Cane Maggiore”.

Procione passa in opposizione al Sole sempre intorno al 20 Gennaio e possiede una compagna di giochi.

Avete capito bene!

Procione, infatti, è una stella doppia che presenta al suo fianco una nana bianca di magnitudine 10,8.

EVENTI ASTRONOMICI DEL MESE

Il cielo di Gennaio ci riserva un calendario pieno di appuntamenti! Quindi, mi raccomando, carta e penna a portata di mano per segnarvi tutto:

  • L’8 Gennaio ci aspetterà la congiunzione tra Luna e il pianeta Venere, visibile prima dell’alba
  • Il 9 Gennaio ci sarà la congiunzione tra Luna e Mercurio, visibile anch’essa prima dell’alba
  • L’11 Gennaio sarà il giorno della Luna Nuova
  • Il 14 Gennaio ci sarà la congiunzione tra Luna e Saturno, visibile dopo il tramonto a sud-ovest
  • Il 15 Gennaio la Luna si congiungerà al pianeta Nettuno
  • Il 18 Gennaio la Luna si presenterà al primo quarto e si congiungerà al pianeta Giove
  • Il 19 gennaio ci sarà la congiunzione Luna e Urano, visibile a sud-ovest
  • Il 25 Gennaio alle ore 18.54 troveremo la Luna piena: la LUNA DEL LUPO
Related Posts
Translate »